Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.
Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra politica cookie.
siete in > Trattamenti > Chirurgia Orale





trattamento Chirurgia Orale

Nel rispetto del paziente, affrontiamo qualsiasi tipo di procedura chirurgica.


Lo Studio Odontoiatrico Dott. Montironi, esegue sui suoi pazienti procedure chirurgiche che vanno dalla semplice procedura estrattiva dei denti compromessi, alle più complesse estrazioni dei denti del giudizio, alle apicectomie per granulomi ossei, fino alle frenulectomie dei piccoli pazienti.

Estrazione denti del giudizio
Domande frequenti: Estrazione denti del giudizio:superiori/inferiori
Complicanze
Chirurgia Preprotesica
Ortodonzia Estrattiva
Chirurgia Endodontica: Apicectomia
Cisti: asportazione chirurgica
Frenulectomia/Frenulotomia


Estrazione denti del giudizio

I denti del giudizio o terzi molari sono gli ultimi denti che compaiono nella nostra bocca, maturando in genere verso i 18 anni. Per questo motivo vengono soprannominati denti del giudizio in quanto la persona raggiunge a quell'età, la maturita'.

Oggi giorno poche sono le persone che hanno spazio sufficiente per una crescita corretta e completa in arcata  per accogliere i denti del giudizio. In circa 9 persone su 10, almeno un dente del giudizio rimane coperto parzialmente o totalmente dalla gengiva, creando delle pseudo tasche gengivali.


Quando un dente del giudizio viene bloccato nel suo cammino di crescita nella bocca, si definisce dente incluso, e l'inclusione puo' essere parziale, totale, osse e mucosa.

I problemi che derivano dall'inclusione totale o parziale di un dente vanno dal dolore, all' infiammazione, agli ascessi con gonfiore, come danno ai denti vicini, fino alla formazione di cisti o  che possono raramente avere un'evoluzione tumorale.

Spesso la sintomatologia legata a questi problemi è minima e i danni appaiono solo quando la situazione è molto grave.


Nei casi piu' frequenti il dente del giudizio inferiore rimane ancorato al secondo molare creando uno spazio non detergibile con facile insorgenza di carie radicolari particolarmente destruenti, obbligando l'estrazione per salvare il secondo molare, che nella maggior parte dei casi deve essere devitalizzato e poi ricostruito con corona in ceramica.

E' da sfatare, spezzando una lancia a favore dei denti del giudizio, che la loro crescita determini un affollamento dei grupo incisivo inferiore.

Come spieghiamo sempre ai nostri pazienti: il corpo e' in continua mutazione, a livello mandibolare la triade osso, muscoli e denti è in stretta relazione tale per cui, con la crescita l'osso muta forma, i muscoli intensita' e forza, mentre i denti sono l'unico elemento di perno che non mutando, devono solo adattaresi ai cambiamenti.


E' inoltre importante sapere che le radici dei denti del giudizio si sviluppano tardi cioè nel periodo in cui l'osso dei mascellari diventa più denso. Nel caso dei denti del giudizio inferiori, la posizione può essere in stretta vicinanza con il nervo mandibolare, creando maggiori rischi di lesione al nervo durante l'estrazione.

Domande frequenti: Estrazione denti del giudizio Superiori / Inferiori



Quando vanno estratti i denti del giudizio?
Lo studio Dott. Montironi NON si caratterizza un accanimento terapeutico, per cui la valutazione d ell'estrazione dei denti del giudizio viene presa dopo una attenta analisi e scrupoloso studio radiografico. Se necessario, in casi specifici, viene richiesta una TAC.

L'estrazione dei denti del giudizio inferiori rappresenta un vero e proprio intervento.


Che cosa succede dopo l'estrazione del dente del giudizio?
Generalmente il paziente manifesta un po' di dolore e di gonfiore nella zona operata, con possibile trisma muscolare. Le cure post operatorie a base di analgesici e antibiotici unitamente ai consigli alimentari, quali l'assunzione di cibi freddi riducono significativamente il disagio che segue l'intervento.

Rischio di carie e di infezioni.
L'igiene dentale, nella zona dei denti del giudizio parzialmente inclusi, è difficile. La conseguenza è spesso una distruzione cariosa di quest'ultimi oppure dei secondi molari adiacenti.

Nella zona d'eruzione del dente si possono anche produrre infiammazioni croniche della gengiva o dolorosi ascessi che vanno trattati con antibiotici.


Indicazioni ortodontiche
La forza propulsiva dei denti del giudizio, durante la loro fuoriuscita, può provocare spostamenti dell'arcata dentale, causando una mancanza di spazio nella zona dei denti frontali. Pertanto, l'estrazione dei denti del giudizio può essere necessaria all'inizio di un trattamento ortodontico.

Indicazioni protesiche
Prima di affrontare una complessa ricostruzione protesica (ponti, protesi totali o parziali) i denti del giudizio a parziale inclusione dovrebbero essere rimossi, non solo per evitare che li si debba estrarre facendo leva su una corona in ceramica a carico del secondo molare, ma che tale corona debba essere progettata con dei limiti struttuturali dovuti alla presenza del dente del giudizio stesso.

A quale età dovrebbero essere estratti i denti del giudizio?
Non esiste un limite di eta' preciso e consigliato per l'estrazione dei denti del gudizio.  

Appena è chiaro che l'eruzione dei terzi molari non sarà corretta.

Nei giovani, il rischio di complicazioni è molto basso. Grazie alla buona capacità di guarigione, osso e gengive saranno presto rigenerati.


Cosa si verifica dopo un’estrazione dei denti del giudizio.
Dopo l’estrazione possono verificarsi gonfiore, dolore  e leggero malessere che fanno parte del processo di guarigione. I primi giorni, talvolta, si ha difficolta' all'apertura. E’ possibile inoltre, avvertire sensazioni di intorpidimento e formicolio, che normalmente, scompaiono dopo un periodo di tempo.

Dolore
Solitamente raggiunge il suo massimo, quando passa l’effetto dell’anestesia, percio’ e’ consigliabile assumere un antidolorifico poco dopo l’intervento.

Sanguinamento
In genere può durare per tutta la prima giornata. L'importante e' evitare cibi duri che possano ledere i lembi di sutura.

Gonfiore
Raggiunge il massimo dopo 24 ore dall’intervento e puo’ durare fino a una settimana.


Complicanze


Alveolite post estrattiva

Complicazione che puo’ manifestarsi 3-4 giorni dopo l’estrazione soprattutto dei denti del giudizio inferiori, dovuta a dissoluzione del coagulo di sangue. Per prevenirla e’ importante seguire le istruzioni post-estrattive.

Cosa non fare subito dopo un’estrazione:

  • Non sciacquarsi insistentemente la bocca per le prime 8/12 ore dopo l’estrazione.
  • Non assumere bevande o cibi caldi.
  • Non applicare calore sulla zona del viso vicino l’estrazione.
  • Non fumare per i primi 2/3 giorni dopo l’estrazione.
  • Non assumere farmaci contenenti acido acetilsalicilico (Aspirina), che potrebbero interferire con la coagulazione.
  • Non risucchiare nella zona dell’estrazione.
  • Non irritare la zona dell’estrazione con cibi duri o ruvidi.
  • Non usare l’idropulsore per l’igiene orale fino a guarigione completa della gengiva, nella zona dell’estrazione.

Cosa Non fare in caso di estrazioni complesse e complicate 

  • Non praticare attivita’ sportiva o attivita’ fisiche pesanti, per i primi 2-3 giorni dopo l’estrazione.
  • Dormire con la testa sollevata da uno o due cuscini in piu’. Aiuta a ridurre il sanguinamento ed il gonfiore.
  • La dieta ideale dopo l’estrazione e’ detta -semiliquida fredda- ed è costituita da cibi soffici e liquidi o semiliquidi freddi (gelato, yogurt, succhi di frutta, latte, ricotta ecc.)
  • Un adeguato riposo nei giorni successivi l’estrazione, favorisce una rapida guarigione.

 Cosa fare in caso di emorragia:

  • Mantenere la calma: agitarsi significa produrre adrenalina, che aumenta il battito cardiaco, e alza la pressione, aumentando l’emorragia.
  • Quindi sedersi in poltrona e rilassarsi.
  • Rimuovere eventuali coaguli presenti nel cavo orale.
  • Mordere con forza nella zona dell’estrazione una garza bagnata o un fazzoletto pulito per mezzora.
  • Applicare degli impacchi di ghiaccio nella guancia dalla parte interessata.
  • Uso di Antiemorragici in fiale, consigliati o forniti in studio 

Lo Studio Dott Montironi, fornisce ai suoi pazienti un vademecum in modo tale che possa essere raggiunto qualsiasi tipo di supporto ed asssitenza domiciliare.


Chirurgia preprotesica


Consente di eliminare e/o correggere condizioni anomale, sia della gengiva che delle ossa mascellari, prima di riabilitare il paziente con una protesi fissa o mobile, predisponendo così il cavo orale ad accogliere al meglio la nuova protesi. Vengono utilizzate membrane ed innesti di osso del paziente o materiale sintetico biocompatibile.


 Ortodonzia estrattiva

Quando un dente del giudizio incluso, nell’arcata inferiore, appare in stretto contatto con il nervo alveolare inferiore, le procedure “classiche” di estrazione chirurgica possono presentare rischi molto elevati. Proprio per evitare questi rischi di lesione del nervo, è consigliabile procedere ad una “estrazione lenta”, mediante un apparecchio ortodontico, che consenta al dente incluso di essere sollevato poco per volta allontanandolo dal nervo con rischi minimali per l’estrazione.


Chirurgia endodontica o Apicectomia


Branca dell’odontoiatria che si occupa del trattamento delle lesioni di origine endodontica che non rispondono o che non possono essere trattate con la terapia endodontica convenzionale. L’obbiettivo è quello di ottenere la sigillatura dello spazio endodontico attraverso un lembo chirurgico.


Cisti e piccole neoformazioni del cavo orale: asportazione chirurgica


I denti del giudizio totalemente inclusi di rado sono la causa di formazioni cistiche. Per cisti si intendono delle cavità che si espandono nell'osso in modo asintomatico, distruggendolo lentamente attraverso una pneumatizzazione. In casi molto rari, da una cisti può avere origine un tumore.


Frenulectomia / Frenulotomia

Per Frenulectomia  si intende la rimozione chirurgica di un frenulo orale attraverso la sua incisione chirurgica.

Per Frenulotomia si intende il riposizionamene del frenulo orale mediante un intervento chirurgico che risulta essere, rispetto il precedente, più delicato e porta a risultati estetici più accettabili

Per Frenulo si intende una sottile banda di tessuto molle che collega labbra, guance o lingua alla mucosa alveolare; è formato da tessuto connettivo fibroso e raramente fibre muscolari. 

Il Diastema è uno spazio anomalo presente tra i denti, soprattutto centrali superiori dovuto a questa fascia di tessuto connettivo fibroso che ne impedice un perfetto combaciamento, osservando dalla letteratura che il diastema è una condizione normale durante la dentizione mista, in quanto costituisce una riserva di spazio per i permanenti e che tende a chiudersi spontaneamente con l’eruzione dei canini.

In fine si ricorda che la rimozione chirurgica del frenulo rappresenta solo la premessa per la chiusura del diastema, che va poi completata con l’ausilio di apparecchi ortodontici. 
 


Studio Odontoiatrico Dott. Stefano Montironi

Via Dario Campana 6/e, 47922 Rimini (RN)


Tel. 0541/774720; cell. 334/2572797
CF. MNT SFN 68L26 H294H, P.iva. 02493330407
Iscrizione Ordine Medici Provincia di Rimini n°191 
Iscritto Albo CTU Tribunale di Rimini

info@montironi.it  - stefano.montironi@pec.andi.it -Privacy - Conformità e  Disclaimer

Verifica se il tuo dentista e' un professionista accreditato , clicca qui verrai indirizzato sul sito della
Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri.