Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.
Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra politica cookie.
rss
Bite Plane (Placca di Michigan)

Il sistema “Bite plane” è’ una metodica terapeutica specifica per la cura dei problemi temporo-mand... Dettagli..


Ipersensibilità dentinale e relativa terapia desensibilizzante

L’ipersensibilità dentale è una condizione dolorosa che incide nella popolazione adulta almeno per i... Dettagli..


Il Fluoro nelle varie fasce di eta’

Dettagli..


tutte le news

siete in > Medicina Estetica > Filler Viso



medicina estetica
 Filler Viso


Il termine “Filler”, riempire, comprende tutta quella categoria di sostanze iniettabili con un ago molto sottile nel derma o nel sottocute con lo scopo di correggere gli inestetismi volumetrici del viso e quei difetti che possono insorgere con l’avanzare dell’età.
In medicina Estetica il termine Filler definisce una metodica mini-invasiva che consiste nell'iniezione localizzata, a livello di tessuti molli, di una o più sostanze di varia natura allo scopo di trattare alcuni inestetismi dell’invecchiamento dei danni provocati dal sole, al fine di ottenere un miglioramento clinico-estetico.

Cos'è l'acido ialuronico Indicazioni d'uso dell'acido Ialuronico
Classificazione dei Filler
Tecnica d'innesto di un Filler
Controindicazioni all'uso dei Filler

Terapia integrata: Filler e biomesoterapia


Cos’è l’Acido Ialuronico


L'acido ialuronico è un componente della sostanza fondamentale del derma: si tratta di un glicosaminoglicano, ovvero una molecola formata da lunghe catene di carboidrati che si ripetono in successione: acido glucuronico ed N-acetil- glucosammina. . Lo ialuronato, altro nome utilizzato per indicare l'acido ialuronico, è caratterizzato dalla capacità di condensarsi con molecole di acqua e giungere ad un alto grado di idratazione, conferendo idratazione, elasticità e morbidezza ai tessuti, proteggendoli nel contempo da sollecitazioni eccessive.
La struttura molecolare dell'acido ialuronico gli permette di essere una importante struttura di sostegno del tessuto connettivo. La concentrazione di acido ialuronico nel tessuto connettivo della pelle si riduce gradualmente man mano che l'età avanza, e per questo motivo, dopo una certa età, la cute si presenta meno idratata ed elastica a livello del contorno occhi e viso.
Pur essendo un fenomeno del tutto fisiologico e naturale, molte donne e uomini desiderano attenuare l’invecchiamento prevenendo rughe ed altri inestetismi della pelle.

Col tempo il metabolismo rallenta, così come rallenta la velocità di rinnovamento delle cellule dei tessuti; in particolare a livello cutaneo si osserva una diminuzione dell'attività dei fibroblasti con conseguente:

  • diminuzione della produzione di collagene e di elastina nello strato più profondo della pelle e perdita di sostegno.
  • riduzione della compattezza della pelle per alterazione della struttura di collagene ed elastina
  • assottigliamento delle pelle e comparsa delle prime rughe.

Indicazioni d’uso dell’Acido Ialuronico


Capostipite dei filler riassorbibili, l'acido ialuronico è una sostanza largamente utilizzata nell'ambito della medicina estetica, soprattutto per correggere inestetismi della pelle tipici dell'invecchiamento cutaneo, come rughe e piccole depressioni cutanee, e conferire turgore e pienezza a labbra sottili e zigomi cadenti.
Nello specifico dello studio Montironi, l’attenzione alla labbra ed alla sua ridefinizione, fa si che l’uso dei vari tipi di filler sia fondamentale al fine di:

  • Ridefinire i contorni
  • Ridonare volume e freschezza, che non significa creare labbra a canotto, ma aprire la rima labiale e far apparire il labbro turgido, compatto ed la tempo stesso morbido.

In generale il filler di acido ialuronico è indicato per le donne ma anche per gli uomini che hanno il desiderio di:

  • eliminare le rughe di espressione, le fastidiose zampe di gallina del contorno occhi, volumizzare il contorno labbra e ridurre gli inestetismi come le cicatrici in seguito a patologia come l'acne o follicolite;
  • rendere la pelle più tonica ed idratata e maggiormente distensibile;
  • riempire alcune zone del corpo per aumentarne il volume e l'aspetto come cosce e glutei.


Classificazione dei Filler


I filler vengono distinti in due categorie in base alla loro composizione chimica:

  • permanenti
  • riassorbibili.

I filler permanenti, non sono usati nello studio dott. Montironi, per l’elevata incidenza di formazione di stati infiammatori cronici sotto forma di granulomi, rimovibili solo chirurgicamente.

I filler riassorbibili sono invece delle molecole naturali, sotto forma di gel, che vanno incontro, dopo un certo periodo di tempo ed in base al metabolismo della persona, ad un riassorbimento mediante meccanismo di digestione enzimatica oppure di disgregazione naturale del prodotto causata dalla mimica facciale. Tale tipologia di riempitivi ha una durata limitata (in media 3-6 mesi), anche se esiste un’estrema variabilità di permanenza del filler nel derma, a seconda delle caratteristiche dell’individuo e del suo stile di vita .

Tecnica d'innesto di un Filler


I fillers all'acido ialuronico vengono iniettati sottopelle attraverso apposite siringhe dotate di aghi supersottili: le iniezioni di acido ialuronico vengono normalmente eseguite in regime ambulatoriale, e il fastidio percepito durante il trattamento è piuttosto sopportabile.
Pur essendo pressoché immediati, gli effetti di ringiovanimento della pelle regalati dai fillers all'acido ialuronico non sono permanenti; tant'è che dopo un periodo di tempo variabile da 4-8 mesi, le rughe iniziano nuovamente a comparire, e le labbra e gli zigomi perdono progressivamente il loro volume, facendo ricomparire rughe, grinze e ptosi della pelle. Il graduale riassorbimento del filler da parte della pelle rende necessaria la periodica ripetizione delle iniezioni di acido ialuronico dopo la scomparsa dell'effetto.

Controindicazioni all'uso dei Filler


Il principale effetto indesiderato dell’utilizzo dei filler è dato da reazioni allergiche del tutto transitoria. Altre controindicazioni riguardano una gravidanza in corso, herpes in fase attiva, disfunzioni della coaugulazione del sangue. L’utilizzo dei filler è infine sconsigliato in caso di collagenopatie o malattia dermatologiche autoimmunitarie.


Terapia Integrata: Filler e Biomesoterapia


La tecnica ed il protocollo per il trattamento del viso mediante trattamento biomesotrapico, possono essere integrate con le tecniche ed i prodotti della Medicina Estetica convenzionale che prevede l’uso di Filler a base di acido ialuronico libero e cross-linkato.
In genere un trattamento integrato Filler + cocktail Biomesoterapico prevede:

  • miscelazione al momento delle sostanze del cocktail con l’acido ialuronico, con lo scopo di una totale personalizzazione
  • oppure in caso di crono e foto aging avanzato, trattamento preparatore con iniezione del cocktail biomesoterapico una volta alla settimana per almeno 5 settimane prima trattamento filler, seguito dal trattamento di mantenimento, sempre biomesoterapico, una volta alla settimana per almeno 3 settimane dopo l’impianto del filler




Studio Odontoiatrico Dott. Stefano Montironi

Via Dario Campana 6/e, 47922 Rimini (RN)


Tel. 0541/774720; cell. 334/2572797
CF. MNT SFN 68L26 H294H, P.iva. 02493330407
Iscrizione Ordine Medici Provincia di Rimini n°191 
Iscritto Albo CTU Tribunale di Rimini

info@montironi.it  - stefano.montironi@pec.andi.it -Privacy - Conformità e  Disclaimer

Verifica se il tuo dentista e' un professionista accreditato , clicca qui verrai indirizzato sul sito della
Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri.