Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.
Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra politica cookie.

rss
Il Fluoro nelle varie fasce di eta’

Dettagli..


Bruxismo dentale, cos'è, come riconoscerlo e come trattarlo

Il termine “bruxismo” indica una parafunzione e non una malattia che racchiude nel suo ambito sia i... Dettagli..


Linee Guida Bifosfonati

Raccomandazione per la Prevenzione dell'Osteonecrosi della mascella/mandibola, ONJ, da Bifosfonati.... Dettagli..


tutte le news
siete in > Articoli e News > GESTIONE ARTICOLI > Dettaglio Articolo
Acido Tricloroacetico, TCA

Peeling viso profondo

Settore di Medicina Estetica del dott. Montironi



Scarica PDF       




ACIDO TRICLOROACETICO (TCA)

Il peeling all'acido tricloroacetico è un peeling di un certo impegno che deve essere praticato esclusivamente dal medico formato con un titolo universitario.

 

Caratteristiche del peeling al TCA

Il TCA è un acido che viene usato in medicina estetica per neutralizzare macchie più o meno profonde e localizzate. Trattasi di un materiale non tossico, stabile la cui profondità d’azione è correlata all'intensità del frost che si verifica. La penetrazione della sostanza peeling è influenzata da numerose variabili, tra le quali il tipo di pelle e lo spessore, il metodo di applicazione della sostanza, la preparazione della pelle al peeling; per cui molto importante, al fine di ottenere un risultato soddisfacente, è la corretta valutazione dei degli spessori cutanei per applicare la concentrazione più adatta al tipo di pelle ed alla sua problematica, ed il numero dei passaggi di materiale nella stessa seduta.

In genere concentrazioni di TCA dal 10 al 25 % sono usate per la realizzazione di peeling superficiali, mentre concentrazioni dal 30 al 40 % sono utilizzate per realizzare peeling che arrivano a livello del derma papillare e del derma reticolare profondo.

 

Indicazioni all’uso del Pelling al TCA

Si consigli la terapia estetica con Peeling al TCA nei casi di forte invecchiamento cutaneo, elastosi, discromie, iperpigmentazioni, esiti cicatriziali post-acneici, smagliature, esiti cicatriziali post-chirurgici e rosacea; ma in ogni caso il consigli che diamo è quello di procedere sempre agendo su  zone poco estese.

 

Concentrazioni del Peeling al TCA

In commercio si possono trovare vari concentrazioni dell’acido tricloroacetico, che corrispondono a terapie estetiche differenti.

Terapia con TCA al 18% per:

·         acne cicatriziale lieve

·         melasma

·         cheratosi

·         lentigo senili

 

Terapia con TCA al 25% per:

·         acne cicatriziale lieve-moderata

·         photoaging moderato-severo

 

Terapia con TCA al 30% per:

·         acne cicatriziale moderata-severa

Applicazione dell’ acido tricloroacetico TCA

Dopo aver adeguatamente preparato il paziente, si applica con degli applicatori specifici il TCA direttamente sulla zona interessata valutando bene a seconda dell’effetto che si vuole ottenere, sia il numero delle applicazioni che il livello del frost che si manifesta immediatamente.

 

Dopo il peeling, si tampona il TCA in eccesso con garze bagnate e fresche, applicando un lenitivo e successivamente uno schermo solare.

Il paziente viene avvertito che percepirà un certo bruciore, ed è per questo l’acido non viene applicato su tutto il viso allo stesso tempo, ma si procede a zone per non rendere la seduta impossibile.

 

 

Indicazioni per il paziente durante la fase d’applicazione del TCA

E’ necessario osservare bene il paziente durante la fase terapeutica, ma è altrettanto necessario spiegargli bene gli effetti e le sensazioni che possono intercorrere nell’immediato post operatorio, come segue:

·         Pizzicore/bruciore: dopo pochi secondi dal contatto del TCA con l’epidermide

·         Iperemia

·         Frost bianco: coagulazione delle proteine, il TCA è arrivato al derma papillare.

·         Frost compatto: Si presenta senza rossore di fondo

·         Successivamente compare eritema e gonfiore (max 1 ora)

Ecco perché è importante preparare bene il paziente che vuole usare l’acido tricloroacetico

 

Nei giorni a seguire il trattamento, la cute in fase di distacco non va mai rimossa, ma bisogna sfruttare la riparazione biologica che comporta l’avere una crosticina, effetto del frost secco che consente il trucco dopo 3 giorni.

 

Decorso post applicazione TCA

Il decorso post applicazione è diverso per le concentrazioni di TCA utilizzate:

·         18% esfoliazione leggera per 2-3 giorni,

·         25% fase post peeling con durata di 15 giorni,

·         30% fase post peeling > 15 giorni.

 

Nei giorni post-peeling è necessario mantenere la cute costantemente protetta con un prodotto emolliente, che dovrà essere applicato con delicatezza, evitando manovre manuali aggressive, quali lo sfregamento.

La pelle si rigenera di solito entro 10-15 giorni. Nei giorni successivi al peeling si produrrà una crosta marrone scuro che, cadendo, lascerà il posto ad una pelle luminosa e rinnovata.

I risultati durano in media 12-18 mesi. Si può ripetere ogni 3-4 mesi.

 

E' importante, infine, raccomandare al paziente di evitare in maniera assoluta esposizioni al sole o a lampade UVA - UVB, per evitare iperpigmentazione, per almeno due mesi dopo l'applicazione del peeling.

 

Inconvenienti e complicanze del TCA

Sono possibili la comparsa temporanea di brufoli, sfogo di acne, herpes simplex, rossore, gonfiore, dolore, delle zone trattate e comparsa di croste. Sono tutti disagi in genere risolvibili con pazienza e tempo..

Solo in rari casi si possono verificare intenso rossore, eccessiva sensibilità della pelle, rischio di infezioni e cicatrici, ed è per questo che occorre dosare sapientemente il TCA.

 

 

print

Studio Odontoiatrico Dott. Stefano Montironi

Via Dario Campana 6/e, 47922 Rimini (RN)


Tel. 0541/774720; cell. 334/2572797
CF. MNT SFN 68L26 H294H, P.iva. 02493330407
Iscrizione Ordine Medici Provincia di Rimini n°191 
Iscritto Albo CTU Tribunale di Rimini

info@montironi.it  - stefano.montironi@pec.andi.it -Privacy - Conformità e  Disclaimer

Verifica se il tuo dentista e' un professionista accreditato , clicca qui verrai indirizzato sul sito della
Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri.