Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.
Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra politica cookie.

rss
Ipersensibilità dentinale e relativa terapia desensibilizzante

L’ipersensibilità dentale è una condizione dolorosa che incide nella popolazione adulta almeno per i... Dettagli..


Composizione, Sviluppo della Placca Batterica.

I batteri Gram +, Gram -. La candida. Eziologia dell’infiammazione. Sviluppo carie, gengiviti, paro... Dettagli..


Istruzioni Post-Operatorie

Consigli Utili Per la fase Post-Intervento Chirurgico Dettagli..


tutte le news
siete in > Articoli e News > GESTIONE ARTICOLI > Dettaglio Articolo
Cosmesi in odontoiatria


Assorbimento tras-cute o iniezione bio-rivitalizzante?


Scarica PDF    

L’assorbimento attraverso la cute di un preparato in crema o gel avviene grazie alla sua diffusione attraverso gli strati della pelle, che vanno da quello più superficiale come l’epidermide fino a quello più profondo detto dermo-epidermico. Qualsiasi tipo di cosmetico presente in commercio, viene formulato in modo da attraversare lo strato corneo, l’epidermide e raggiungere il derma più superficiale, ma non il derma più profondo.

La funzione “barriera” della cute risiede prevalentemente nel suo strato più superficiale detto corneo, la cui bassissima permeabilità a sostanze idrosolubili, dipende dalla sua struttura di natura lipidica. Le sostanze nutrienti possono passare attraversare lo strato corneo passando tra una cellula e l’altra, oppure scivolando lungo l’apparato pilo sebaceo.

È comprendibile l’importanza al mantenimento dell’integrità della cute come della sua elasticità; la pelle va protetta, ma anche curata e nutrita. A tale fine, fornire alla cute i mattoni che ne permettono la ricostituzione, fornire l’idratazione necessaria ai processi di riparazione, risulta essere molto importante per ridurre e ritardare l’invecchiamento cutaneo.

Se volessimo analizzare la struttura dell’epidermide e la relativa funzione barriera dello strato più superficiale, dobbiamo partire da un accenno di anatomia.

L’epidermide è un epitelio pavimentoso pluristratificato distinto in più strati:

  • Lo strato basale o germinativo, formato da cellule chiamate cheratinociti, disposte l’una a fianco all’altra come una palizzata
  • Strato spinoso.
  • Strato granuloso
  • Strato lucido
  • Strato corneo

in cui ogni strato le cellule sono immerse diversamente dalle altre, in una matrice lipidica.

Il grado di idratazione della pelle è fondamentale in quanto quest’ultimo, aumentando le dimensioni dei pori favorisce il grado di assorbimento delle sostanze idrosolubili.

Bene, è chiaro ora che la presenza, in particolare nello strato corneo dell’epidermide, di particolari sostanze capaci di trattenere le molecole d’acqua, rende la cute elastica e morbida, donando l’effetto giovinezza. Da ciò si può comprendere l’importanza della quantità di acqua ingerita quotidianamente il cui scopo, a livello cutaneo, è quello di preservare un ottimo parametro di turgore dei tessuti, che appaiono così ben distesi e rilassati

Così si comprende come le pelli definite “grasse” si comportano differentemente alla disidratazione rispetto alle pelli “secche”.

Come per i prodotti per iniezione si conoscono bene i processi di distribuzione, metabolismo ed escrezione, poco note sono le fasi dell’assorbimento trans-cutaneo dei cosmetici per uso topico.

 

La penetrazione di una crema attraverso la cute può avvenire mediante gli annessi ghiandolari, come per via trans dermica o per via trans cellulare; veicoli per i quali il livello di solubilità, e quindi di peso molecolare risulta fondamentale. In genere un basso peso molecolare comporta una sufficiente solubilità nei lipidi e nell’acqua, garantendo l’assorbimento delle sostanze, ma anche una più facile sua eliminazione, con riduzione della durata dell’effetto; concetto che ci tornerà utile quando vedremo come differenti pesi molecolari dei filler a base di acido ialuronico, fanno variare il tempo di permanenza nei tessuti.

Procedure che facilitano la desquamazione degli strati più superficiali della cute, hanno l’effetto di accelerare il rinnovo cellulare mediante la perdita delle cellule definite “morte, come anche facilitare un incremento della diffusione di sostanze in profondità., che per quanto si non raggiungerà mai i livelli ottenuti da un procedimento di biorivitalizzazione/biostimolazione professionale.

Sappiamo che la pelle ha un’azione selettiva nei confronti di varie sostanze, ed è a questa difficoltà che si rivolgono le rivitalizzazioni, ovvero trattamenti medici che mirano a curare l’organo “pelle” sempre più stressato da agenti atmosferici ed inquinanti. Si tratta di numerosi trattamenti che tendono ad integrare nel derma quelle sostanze che il nostro organismo non riesce più a produrre in quantità adeguata, come, in particolare, l’acido ialuronico.

La diminuzione di acido ialuronico nel derma è una delle cause più importanti dell’invecchiamento cutaneo, in quanto quest’ultimo è il responsabile dell’idratazione, della riproduzione dei fibroblasti e della sintesi finale di collagene.

A queste sostanze che l’organismo non riesce più produrre, il medico ne aggiunge altre come vitamine, aminoacidi, minerali, acidi nucleici, coenzimi ed agenti ed antiossidanti che hanno lo scopo di stimolare e nutrire disintossicando la pelle stessa.

Tutto questo si presenta come un cocktail molto efficace e semplice da somministrare. La tecnica prevede l’esecuzione di una serie di piccole iniezioni che hanno lo scopo di distribuire in profondità queste sostanze in tutto il viso, collo decolté e mani.

I programmi proposti per la rivitalizzazione non hanno controindicazioni, sono proposti per tutte le pelli e per qualsiasi fascia di età.

Se la/il paziente non si sono mai sottoposti a tecniche di biorivitalizzazione, una sola seduta non è sufficiente, ma ne saranno necessarie almeno 3 – 4 a distanza di una settimana l’una dall’altra, seguite poi da l’iniezione di mantenimento mensile. In aggiunta è possibile iniettare anche qualche ml di acido ialuronico a basso peso molecolare sotto forma di gel, il cui scopo è quello di aumentare l’effetto ringiovanente.

Se il gel di acido ialuronico presenta un peso molecolare elevato, si parla di Filler, il cui effetto principale di riempimento muta nel tempo a seconda del substrato metabolico della persona, fino a riportare il tessuto alla situazione presistente.

print

Studio Odontoiatrico Dott. Stefano Montironi

Via Dario Campana 6/e, 47922 Rimini (RN)


Tel. 0541/774720; cell. 334/2572797
CF. MNT SFN 68L26 H294H, P.iva. 02493330407
Iscrizione Ordine Medici Provincia di Rimini n°191 
Iscritto Albo CTU Tribunale di Rimini

info@montironi.it  - stefano.montironi@pec.andi.it -Privacy - Conformità e  Disclaimer

Verifica se il tuo dentista e' un professionista accreditato , clicca qui verrai indirizzato sul sito della
Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri.